Tel. 049 963 06 26 | mail:info@prodotticapelli.net

Seguici anche su:

lacca si lacca no

lacca si lacca no
30
Nov

Spread the love

Subito dopo l’acconciatura, quante di voi utilizzano la lacca? E, soprattutto… quante la utilizzano in maniera corretta?

La lacca è perfetta per tenere i capelli in piega, evitando che l’umidità li gonfi o che, al contrario, si secchino eccessivamente; è anche vero però che la lacca potrebbe renderli appiccicosi, specialmente se ne utilizziamo in quantità eccessiva o se la spruzziamo direttamente sul capello dalla distanza sbagliata (senza vaporizzarla, per intenderci).

La lacca salva l’acconciatura quando abbiamo quel ciuffo ribelle che spunta da un lato dopo una notte di sonno, oppure quando ci facciamo la piastra e inizia a piovere. Insomma, la lacca come fissativo va benissimo e non può mancare in un beauty-case femminile ben fornito, ma bisogna utilizzarla correttamente e il suo utilizzo varia a seconda dell’acconciatura che dobbiamo tenere in piega.
La prima distinzione che va fatta è quella tra lacca e spray fissante. Non sono affatto la stessa cosa: la lacca è molto leggera e fine e si deposita leggermente sui capelli evitando il terribile effetto elettrico, non deve impedire il movimento dei capelli e si può eliminare con una spazzolata. Lo spray fissante invece si usa per dare ai capelli una certa forma e solitamente dopo l’applicazione dà un certo “effetto lucido” che non tutte gradiscono ma che le modelle da copertina sembrano amare molto.

lacca si lacca no

Sfatiamo alcuni miti sull’utilizzo della lacca per le acconciature e vediamo anche come usarla nel modo corretto, senza esagerare per non ritrovarsi i capelli appiccicosi. Si sente spesso dire che la lacca sporca i capelli e finisce con il rovinarli: non è assolutamente vero, a patto di non spruzzarsi sui capelli una bomboletta al giorno. Un filo di lacca fissa bene l’acconciatura e non sporca il capello, perché si deposita leggermente su di esso e non finisce sul cuoio capelluto. La lacca applicata correttamente si può eliminare con la spazzola… se però usi la lacca, lava regolarmente i capelli!
Un’altra cosa che sento dire è che dopo essersi messe la lacca, i capelli vanno lavati. Non è vero, a meno che non usi una lacca di qualità scadente che ingrassa il capello, oppure se viene spruzzata a distanza ravvicinata o se se ne utilizza troppa… se nonostante questi accorgimenti ti sembra che la lacca sporchi i capelli, oppure che l’acconciatura sia diventata ingessata e non si muova più, cambia marca. Anche la marca infatti fa la differenza… la marca del supermercato naturalmente è sconsigliata.

E’ vero che per fissare bene un’acconciatura bisogna usare una lacca dal fissaggio forte?

lacca si lacca no

Se prevedete di andare a fare un giro in barca con uno chignon, serve una lacca forte che mantenga i capelli al loro posto senza appesantirli!

lacca

per una giornata di sole senza vento, una normale lacca andrà benissimo.

“Se metti la lacca, si vede”. A parte che un po’ di lacca non scandalizza nessuno, se la lacca viene ben applicata, non si vede affatto. Il modo migliore per mettere la lacca ai capelli è spruzzarne una certa quantità in aria e poi metterci in mezzo la testa, in modo che si distribuisca in modo uniforme senza depositarsi in una sola zona.

lacca si lacca no

La distanza giusta per spruzzare è di 25-30 centimetri dal capello.
In definitiva, la lacca non sporca o rovina il capello, non appiccica, non dà il temuto effetto “leccata di mucca” e si rimuove con una semplice spazzola. Tutti i parrucchieri, compresi i famosi hair-stylist delle star, utilizzando la lacca. La chiave per utilizzare bene la lacca sta sempre nelle modalità di applicazione: dose, distanza e, non ultima, la marca.